sabato, 19 ottobre 2019
Home » Fasce di età » 0-2 anni » Incubi nei bambini: che fare?
Incubi nei bambini: che fare?

Incubi nei bambini: che fare?

Gli incubi sono un fenomeno piuttosto frequente tra i bambini, in particolare se al di sotto dei quattro anni di età. Quello che accade, però, è che un genitore spesso si sente in difficoltà nel gestire questi momenti a volte anche molto intensi. Per questo ho scritto questo articolo.

Mercoledì 2 ottobre 2019 a Verla di Giovo (TN) ci sarà l’incontro per genitori “Bambini e sonno: come farli dormire sereni?” nei due orari 10:00-11 e 20:00-21:00. Maggiori info al seguente link: http://www.serenacosta.it/genitori-e-figli/educare-con-cuore-e-mente-ciclo-di-incontri-per-genitori-in-partenza.html

Incubi: di cosa si tratta e perché accadono?

Gli incubi sono dei sogni angoscianti e spaventosi che interrompono il sonno dei bambini lasciando paura e agitazione. Solitamente gli incubi si verificano nella seconda parte della notte, durante la fase REM del sonno che è proprio quella in cui si sogna. Un’altra caratteristica è che solitamente i bambini che hanno fatto un incubo si ricordano perfettamente il contenuto del brutto sogno che hanno fatto. Queste sono caratteristiche importanti che permettono di distinguere un incubo dal fenomeno del Pavor nocturnus: trovi maggiori informazioni su questo fenomeno nell’articolo “Pavor nocturnus: disturbo del sonno che irrompe la notte”.

Gli incubi solitamente accadono in particolari momenti della crescita in cui il bambino sta vivendo qualche tipo di frustrazione, difficoltà o paura. Gli psicoanalisti parlano di conflitti interni che il bambino sta vivendo che possono essere consapevoli, cioè facilmente riconducibili a qualche esperienza fatta durante il giorno, oppure inconsapevoli, cioè connessi con qualche dinamica psicologica più profonda. Nel primo caso, per esempio, il bambino potrebbe sognare un orso pauroso perché la sera prima ha sentito una notizia spaventosa sugli orsi al telegiornale; nel secondo caso, invece, potrebbe sognare un mostro cattivo che lo aggredisce perché magari in quel periodo sta subendo l’aggressività di qualche adulto di riferimento.

Incubi: cosa fare?

Di fronte ad un bambino o bambina che si sveglia angosciata durante la notte occorre mantenere la calma e cercare di assumere un atteggiamento rassicurante. Può essere importante ricordare al bambino dov’è, cioè che è nel suo letto e che la mamma o il papà sono lì con lui. Molto utile può essere anche abbracciarlo fisicamente o prenderlo in braccio per calmarlo. Una volta calmo chiedetegli se ha piacere di raccontare che cosa ha sognato in modo da rassicurarlo ulteriormente che si trattava solo di un sogno. State però attenti a non minimizzare perché fino ai quattro anni un bambino non è ancora in grado di distinguere la realtà dai sogni perché vive tutto intensamente come se fosse vero. Quindi siate accoglienti nel caso in cui non sia sufficiente spiegargli che si trattava di un sogno. Con calma invitatelo a riprendere sonno.

Se vostro figlio si sveglia per un incubo solo qualche volta non dovete assolutamente preoccuparvi. Se, invece, compaiono sogni angoscianti ricorrenti, potrebbe essere molto utile rivolgersi ad uno psicologo dell’infanzia perché potreste andare a fondo delle difficoltà che vostro figlio cerca di esprimere attraverso gli incubi.

Dott.ssa Serena Costa, psicologa dell’infanzia (serenacosta.it@gmail.com)

Se ti è piaciuto l’articolo, clicca “mi piace” sulla pagina e condividilo con i tuoi amici. Se vuoi essere aggiornato su tutti i nuovi articoli e sulle varie iniziative che svolgo in Trentino, iscriviti alla Newsletter. Potrai anche avere la password per accedere alla pagina dedicata agli ebook da scaricare gratuitamente. Troverai risposte a tante domande che si fanno i genitori. E se vuoi, seguimi anche su Facebook.

Iscriviti alla Newsletter!

Condividi su:

About serena

Psicologa dell'infanzia, esperta nelle problematiche del sonno e dell'apprendimento.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*