venerdì, 17 settembre 2021
Home » Casi tratti dalla mia esperienza » Serena Costa psicologa dell’infanzia: la mia storia

About serena

Psicologa dell'infanzia, esperta nelle problematiche del sonno e dell'apprendimento.

4 commenti

  1. immacolata deleonardis

    salve, serena costa, avevo bisogno di vedere un video motivazionale come il suo, infatti mi hai fatto commuovere.. sono una psicologa da poco iscritta all’albo e in effetti sono in un periodo di scoraggiamento perchè sembra che il percorso fatto fino ad ora non mi abbia portato a niente… ho investito tempo, energie e soldi in questo percorso e sentire la sua storia mi ha dato quello che forse mi mancava in questi mesi … la speranza di farcela. grazie ancora

    • Gentile Immacolata, mi fa piacere sapere che il mio video le sia stato utile 🙂 Le faccio un grosso “In bocca al lupo!”

  2. Salve Dottoressa Costa. Siamo una Famiglia che vive in Lombardia. Ho visto il suo video e devo dire che purtroppo sulla nostra pelle abbiamo vissuto, però come genitori di una paziente, gli stessi risvolti che lasciano trasparire spesso poca serietà professionale e poca deontologia,sostituiti purtroppo da soli interessi finanziari in un settore sanitario delicato come il vostro . Desideriamo ricevere un cortese e competente consiglio da parte sua sulle problematiche di nostra figlia di 16 anni … che tre anni fa ha vissuto problemi di anoressia con diversi ricoveri. Attualmente la problematica alimentare è sotto controllo ma nonostante 3 anni di terapia comportamentale con 2 psicologhe che non l’hanno aiutata ci troviamo da un po’ di tempo con crisi di Ansia generalizzata con anche qualche attacco di panico e problemi gastrici. Ha inoltre lasciato il 2 ° anno di scuola superiore. Secondo il suo competente parere per queste attuali problematiche esiste una terapia breve che possa aiutarla ad uscire di casa e a riprendere la scuola?? 1000 Grazie ..

    • Gentile Pietro, mi dispiace molto per quello che sta riferendo sulla sua esperienza con i professionisti dell’area psicologica. In merito alla sua domanda, quello che mi viene da suggerire non conoscendo in modo approfondito la sua situazione è di affidare tutte le sue preoccupazioni e perplessità ai professionisti che vi stanno seguendo e nel caso sia mancata la fiducia nei loro confronti, eventualmente cambiare. Non sono esperta nel campo dei disturbi alimentari ma per questo tipo di problema so che un approccio terapeutico di tipo cognitivo comportamentale può essere il più idicato. La saluto cordialmente.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*