sabato, 19 gennaio 2019
Home » Fasce di età » 0-2 anni » Babbo Natale quest’anno non arriverà!
Babbo Natale quest’anno non arriverà!

Babbo Natale quest’anno non arriverà!

Siamo già nel mese di dicembre ed è in arrivo il gioioso e tanto atteso evento di Babbo Natale. Il dolce vecchietto dalla barba bianca è ormai entrato nell’immaginario comune come simbolo della bontà, come esempio per i piccoli di grande amore e altruismo per tutti i bambini del mondo. Babbo Natale porta dei doni, cioè qualcosa di bello e gradito senza chiedere nulla in cambio.

Per un bambino,  ricevere i doni del simpatico vecchietto, ha un significato psicologico molto importante: significa avere la conferma di essere dei bambini meritevoli di amore e affetto. Non riceverli è, invece, esperienza davvero negativa che comunica il fatto di essere bambini poco buoni e, quindi, non meritevoli di questo amore e affetto incondizionato.

Ho voluto fare questa precisazione perché a livello educativo è importante assicurare tale esperienza ai bambini comunicandogli tutta la gioia nel vedere questo meraviglioso e misterioso evento che sta accadendo al proprio bambino e non usarlo in modo strumentale. Mi spiego meglio.

Vi è la tentazione in alcuni genitori di utilizzare l’arrivo di Babbo Natale a proprio vantaggio, per cercare di motivare i propri bambini a comportarsi bene, “minacciandoli” che in caso contrario Babbo Natale non porterà loro dei doni. Si tratta di un vero e proprio ricatto psicologico perché nessun bambino vorrebbe fare la brutta esperienza di non avere l’attenzione benevola di Babbo Natale, ma nello stesso tempo, è insito nell’esperienza di bambino disobbedire ai genitori. Si tratta di un conflitto molto forte per un bambino che ha ancora tanto bisogno di sentirsi accettato e amato per quello che è. E’ più opportuno, quindi, lasciare distinte le due cose: l’esperienza del dono gratuito da una parte e la gestione delle regole dall’altra.

Ovviamente questo non significa che per far sentire amati i bambini occorre riempirli di doni, anzi, è necessario ben altro per questo; è tuttavia importante non trascurare l’impatto emotivo che può avere su un bambino il pensiero o addirittura l’esperienza di non ricevere i doni di Babbo Natale, evento condiviso da una gran parte dei compagni.

Dott.ssa Serena Costa, psicologa dell’infanzia (serenacosta.it@gmail.com)

Ti è piaciuto questo articolo? Se si, clicca mi piace alla pagina e, se vuoi rimanere aggiornato su questi argomenti, iscriviti alla newsletter!Iscriviti alla Newsletter!Se vuoi avere un confronto professionale su queste tematiche, visita la pagina dedicata alle consulenze.

Condividi su:

About serena

Psicologa dell'infanzia, esperta nelle problematiche del sonno e dell'apprendimento.

2 commenti

  1. concordo appieno,anche perchè credo poco all’efficacia del ricatto e molto di più al dialogo ed alle spiegazioni.sono piccoli,ma comprendono.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*