giovedì, 21 marzo 2019
Home » Altro » Un po’ di chiarezza sulla pratica clinica psicologica

About serena

Psicologa dell'infanzia, esperta nelle problematiche del sonno e dell'apprendimento.

7 commenti

  1. ho letto tutto con interesse e mi piace la tua semplicità e chiarezza.Dirti che ho capito tutto non posso;me lo dovrei rileggere più di una volta.Ho capito almeno che una persona che si rivolge ad uno psicologo clinico, si chiama “cliente” e non paziente.Buon proseguimento! ciao.

    • ottimo! hai notato un’aspetto molto importante!
      Il termine “paziente”, derivante dall’applicazione del modello medico alla psicologia, rimanda al fatto che la persona che si rivolge ad uno psicologo soffre di una patologia psichiatrica o psicologica.
      Io ho usato il termine “cliente” proprio perché non è esattamente cosi! Non è necessario soffrire di una patologia per andare da uno psicologo! Anzi!! E’ possibile anche avere un semplice dubbio, una curiosità, o una piccola difficoltà.
      Bene! quindi complimenti per l’osservazione!
      Per il resto affronterò ancora in altri modi questo complesso argomento!

  2. Salve, sono una ragazza di 21 anni.
    Mi sono appena iscritta alla facoltà di psicologia, vorrei diventare psicoterapeuta.
    Ho una figlia di due anni che mi prende gran parte del mio tempo. Volevo chiederle un parere..
    Secondo lei avendo una bimba posso riuscire a diventare psicoterapeuta oppure sarà troppo difficoltoso per me?
    Inoltre dovrei trovare un lavoro per pagarmi gli studi, perché sono molto costosi e non vorrei essere un peso per la mia famiglia.. Secondo lei, sinceramente, potrei farcela? Potrei trovare facilmente un impiego dopo anni di sacrifici??? Sono un po’ demoralizza da alcune notizie lette sul web,su questa professione… Aspetto con ansia la sua risposta.
    Buona giornata
    Distinti saluti

    • Gentile lettrice
      Non sta a me dirle se ce la farà o meno. Anche perché non so niente di lei.

      Di certo il percorso è lungo e costoso sia per raggiungere il titolo sia poi per costruirsi un’indipendenza economica.

      Se ha bisogno di una consulenza per approfondire le sue motivazioni mi faccia sapere.

      Saluti

      Serena Costa

    • Io ho 32 anni, mamma di due bambini con nessuno aiuto in termini di accudimento. Mi sono laureata lla specialistica l’anno scorso. Lavoro part time e mi sto abilitndo. Non sono le condizioni ma le motivazioni che fanno la differenza.

      Spero di esserti stata d’aiuto.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*