venerdì, 18 gennaio 2019
Home » 2015 » maggio

Archivi mensili: maggio 2015

Prese in giro: una bambina dice la sua

Oggi vi racconto un episodio sulle prese in giro che mi è stato a mia volta raccontato da una bambina di 8 anni e che secondo me insegna molto su cosa è possibile fare quando si assiste a comportamenti, rari o frequenti, che fanno stare male qualcuno. Vi racconto l’episodio. Una bambina che chiamo per l’occasione Cinzia, durante il pranzo nella mensa della sua scuola, assiste ad una scena che riguarda due suoi compagni: il primo, che chiamo per l’occasione Stefano, prende in giro ripetutamente l’altro compagno, che chiamo per l’occasione Peter, dicendogli continuamente che puzza. Peter è un bambino straniero. Cinzia ... Continua a leggere »

DSA 3.0

Anche questo mese vi propongo un documento molto interessante sul tema dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento. Questa volta ho il piacere di pubblicare l’elaborato di tesi di una mia collega che opera in Lombardia: la dott.ssa Cinzia Tagliabue. La tesina, intitolata “DSA 3.0”, offre un’interessante riflessione sul contributo che la tecnologia può dare nel rispondere ai bisogni dei ragazzi con DSA. Nella speranza che il contenuto possa essere per voi interessante, vi auguro buona lettura. Dott.ssa Serena Costa Informazioni sull’autrice Autrice: Dott.ssa Cinzia Tagliabue Professione: psicologa esperta nei Disturbi Specifici dell’Apprendimento Iscrizione all’Albo Professionale Ordine degli Psicologi della Lombardia Regione di appartenenza: Lombardia Città: Erba, Como ... Continua a leggere »

Giocare con i propri figli è sbagliato?

Buongiorno a tutti voi, lettori di Connettiti alla Psicologia! Il Blog educativo della Dott.ssa Serena Costa. Oggi ho il piacere di scrivere un breve articolo su una domanda che mi è stata rivolta in occasione della Fiera Il Trentino dei bambini: “Giocare con i propri figli è sbagliato?”. La signora che mi ha posto la domanda diceva di essere stata messa in confusione da un’amica la quale riteneva fosse scorretto giocare con i propri figli e per questo ha ritenuto opportuno chiedere il mio parere. Ecco quindi alcuni elementi sul quale riflettere prima di rispondere a questa domanda. Innanzitutto credo che ... Continua a leggere »